Magnetoterapia : come funzionano gli apparecchi per magnetoterapia a domicilio

magnetoterapia-domiciliare_800x304

La magnetoterapia è una tecnica terapeutica alternativa molto diffusa oggigiorno e che utilizza i campi magnetici pulsati, chiamati CEMP, per riparare cellule malate e tessuti ossei o muscolari. Questa terapia può essere praticata sia da professionisti in ambito ospedaliero che da famiglie in ambito domiciliare. In particolare per quest’ultimo esistono oggi in commercio molti dispositivi per magnetoterapia che possono essere utilizzati in modo facile e sicuro anche da casa.

Come funzionano gli apparecchi per magnetoterapia domiciliare?

Illustriamo di seguito il funzionamento di un dispositivo per magnetoterapia a casa, prendendo come esempio l’apparecchio per magnetoterapia a bassa frequenza LaMagneto, facente parte della nuova gamma di dispositivi per Magnetoterapia di I-Tech Medical Division, azienda italiana specializzata nella produzione di elettromedicali, e che può essere acquistato sul sito labottegadellalongevita.it.

LaMagneto è un dispositivo per la magnetoterapia a bassa frequenza ed alta intensità, che effettua un terapia con magneti con frequenza oscillante tra i 10 e i 200 Hz. Questo trattamento è particolarmente indicato per terapie contro l’osteoporosi e per la maggior parte delle patologie ossee.

Come tutti gli apparecchi per magnetoterapia domiciliare, LaMagneto dispone di programmi preimpostati per le varie patologie che si possono curare con la magnetoterapia: osteoporosi, artrosi, cervicalgia, fratture, dolore cronico, epicondilite, ecc. Per iniziare ad utilizzare il dispositivo, bisogna prima collegare l’applicatore con i solenoidi, dispositivo che serve per trasmettere i campi elettromagnetici dall’apparecchio al tessuto interessato e che solitamente viene fornito in dotazione quando si acquista la magnetoterapia. La spina del cavo dell’applicatore va collegata ad uno dei due canali che si trovano nella parte alta dell’apparecchio. Questi canali sono indipendenti e permettono di effettuare due terapie contemporaneamente, collegando dunque due applicatori.

Dopo aver collegato anche il cavo alimentatore e aver acceso l’apparecchio tramite l’interruttore ON/OFF, sul display si potranno visualizzare i vari programmi i quali potranno essere scelti semplicemente scorrendo sopra e sotto e poi premendo il tasto OK. A questo punto LaMagneto permetterà all’utente di regolare l’impostazione base di tempo della terapia (2 ore) secondo le proprie esigenze, modificando anche l’intensità di campo magnetico. È possibile anche selezionare una terapia singola o una terapia doppia. Infatti l’apparecchio consente di effettuare contemporaneamente due terapie diverse in due zone del corpo oppure si possono fare trattamenti di coppia (sia sulla stessa zona che su zone differenti).

Prima di far partire la terapia, bisogna posizionare l’applicatore sulla zona da trattare, fissandolo con la fascia elastica. Si raccomanda però di non appoggiare l’applicatore direttamente sulla pelle, ma di interporre la fascia di tessuto non tessuto che viene fornita in dotazione all’apparecchio tra la cute e l’applicatore. A questo punto la terapia può partire e si fermerà una volta passato il tempo preimpostato.

Altre funzionalità degli apparecchi per magnetoterapia

Tutti i dispositivi per la magnetoterapia domiciliare permettono anche di memorizzare le ultime 10 terapie utilizzate dall’utente, al fine di renderli facilmente selezionabili dal menù principale e per velocizzare l’impostazione in caso di terapie personalizzate. Inoltre quasi sempre i display degli apparecchi sono grandi e a colori, facilitando la visibilità anche per le persone anziane.

Alcuni invece dispongono di funzioni aggiuntive molto utili come il blocco programma e i contatori di terapia. In particolare la funzione speciale di blocco programma consente ad uno specialista (medico, terapista) di impostare i parametri di una specifica terapia bloccandola per mezzo di una password. Una volta bloccata la terapia, il paziente può proseguire in autonomia il trattamento impostato dal medico in tutta comodità a casa, senza correre il rischio di accedere ad altri programmi. Inoltre grazie alla funzione che conta le terapie, lo specialista può monitorare il corretto svolgimento delle terapie prescritte da parte del paziente.

Controindicazioni magnetoterapia

Non ci sono particolari controindicazioni nell’utilizzo della magnetoterapia a domicilio, se non che non va utilizzata da pazienti in stato di gravidanza, da chi soffre di tubercolosi, micosi e da soggetti con cardiopatie. Per il resto la magnetoterapia è una terapia estremamente efficace che riesce a curare in modo totalmente indolore moltissime patologie. Infatti essa aumenta la resistenza e la mineralizzazione ossea agendo sul sistema osseo stesso, nonché su quello articolare, muscolare e vascolare. Inoltre la magnetoterapia, a differenza degli antinfiammatori, non intossica in alcun modo l’organismo e assicura una cura efficace e veloce.

Ti potrebbe interessare anche: